“Una chiamata a cui rispondere con gioia”: online il terzo numero della newsletter delle Caritas della Sardegna, realizzata in occasione dell’Avvento/Natale 2021

Il volontariato al centro del terzo numero della newsletter delle Caritas diocesane della Sardegna IMPEGNO CARITAS  realizzata in occasione dell’Avvento/Natale 2021.  La “chiamata a cui rispondere con gioia”, titolo della pubblicazione, è quella raccontata attraverso le storie dei volontari delle dieci Caritas dell’isola, che hanno scelto di mettersi al servizio dei più bisognosi con fiducia e dedizione: storie che, in qualche modo, richiamano la figura dell’Immacolata e il suo “sì” pronunciato davanti al progetto che il Signore ha in serbo per Lei.

Sullo sfondo, una riflessione pastorale sul senso più profondo del volontariato, destinata in primis alle Caritas parrocchiali, ma anche a tutte le altre realtà impegnate accanto alle persone fragili, dalle comunità ecclesiali al terzo settore. Protagonisti di questo terzo numero, le tante persone, giovani e adulti, uomini e donne che «offrono volontariamente e gratuitamente molto del loro tempo nell’attenzione a chi si trova  in difficoltà», come richiama il vescovo delegato della Conferenza episcopale sarda alla carità mons. Giovanni Paolo Zedda nella sua introduzione. Alla base della loro scelta,  tante motivazioni diverse: «il desiderio di rendersi utili, la gioia sperimentata nell’aiutare altri, l’imitazione di qualcuno che si è reso a noi disponibile in un momento di difficoltà», talvolta altre ragioni, «apparentemente anche molto meno valide».

«Dio sa accettare anche le nostre motivazioni meno nobili ma desidera purificare le nostre intenzioni, perché possiamo arrivare ad essere sempre più simili a Lui nel suo amore gratuito – continua il vescovo -. Un modo in cui ci aiuta a capire questo suo desiderio è l’invito che fa ad ogni battezzato di contemplare la storia della salvezza e di diventarne protagonisti attivi. Tutti noi nella comunità cristiana possiamo riscoprire questo suo progetto nel vivere l’anno liturgico».

Proprio «in questo tempo di Avvento e di Natale abbiamo l’opportunità di un vero cammino di purificazione del nostro modo di amare e di servire, guardando a Gesù obbediente al Padre e imitando le persone che gli sono state più vicine. La creatura che più lo ha accolto è sua Madre, la Vergine Maria. Perciò possiamo lasciarci aiutare da Lei. Maria, “la piena di grazia”, accetta di vivere la sua vita a disposizione di un disegno d’amore che la supera da ogni parte.  È Dio che ci ama per primo e ci chiama a collaborare con Lui. La libera decisione di diventare “servi” del Signore e dei fratelli – che Dio ci propone e la cui realizzazione Lui stesso sostiene col dono del suo Spirito  – deriva dalla scoperta e dall’accoglienza della realtà di Dio che ama ogni sua creatura con gratuità, nonostante la nostra debolezza e addirittura il nostro rifiuto»

 «Dio non ci costringe ad amarlo e a fare ciò che Lui vuole – continua mons. Zedda – : desidera da noi un amore libero, che si traduca in piena disponibilità e obbedienza. Attende il nostro libero “sì”. Ma per accogliere i piani di Dio non bisogna essere troppo centrati sui propri piani; dobbiamo essere “vuoti”, non pieni di noi stessi, dei nostri desideri, delle nostre attese. Dobbiamo essere liberi, come Maria. E, come Lei, dobbiamo essere attenti alla volontà di Dio e pronti a metterci al servizio dei fratelli che Lui ci mette accanto. Così il Signore Gesù si farà presente nella nostra vita e i poveri che sapremo accogliere diventeranno “i nostri evangelizzatori” ».

 

La pubblicazione è disponibile cliccando qui dove potrà essere anche “scaricata” in versione pdf.

Share