Si è chiusa la XIX Assemblea Generale di Caritas Internationalis

In 60 anni Caritas Internationalis ha risposto con amore e opere ai bisogni della persona umana, in un mondo caratterizzato dall’ingiustizia e dalla disiguaglianza.

Era il dicembre del 1951, quando l’allora sostituto alla Segreteria di Stato, mons. Giovanni Battista Montini (futuro Paolo VI), osservò con soddisfazione il frutto del suo minuzioso lavoro. L’aver ispirato con sapienza la redazione dello Statuto di Caritas Internationalis, l’organismo della Chiesa universale che al giorno d’oggi raccoglie in confederazione 165 Caritas nazionali, ha permesso di dare un’impronta ben precisa a tale organismo, sorto con lo scopo di orientare e coordinare le attività umanitarie della Chiesa cattolica, favorendo allo stesso tempo una precisa azione in favore dello sviluppo dei popoli. Un tema assai caro al pontefice Paolo VI, che nella sua enciclica Popolorum Progressio indicherà molto chiaramente come lo sviluppo “è il nuovo nome della pace”.

 

paolo vi

 

Dal 22 al 27 maggio, riunita a Roma nella XIX Assemblea generale presso la Domus Mariae, Caritas Internationalis ha avuto modo di festeggiare i suoi 60 anni di vita (in questo stesso anno Caritas Italiana festeggia i 40 anni), chiamando a raccolta più di 50 vescovi e 300 delegati appartenenti alle 165 Caritas confederate.

È spettato al cardinale Óscar Andrés Rodríguez Maradiaga, attuale presidente di Caritas Internationalis (riconfermato proprio in questi giorni nel suo incarico per un nuovo mandato quadriennale), il compito di aprire i lavori dell’Assemblea generale all’insegna dello slogan “Una famiglia umana, povertà zero”. Si tratta ben più di uno slogan, ha dichiarato il cardinale Maradiaga: “è una sintesi della nostra volontà di lottare contro l’ingiustizia e la povertà. È una espressione semplice del nostro modo di concepire il mondo”.

La circostanza dell’Assemblea generale non rappresenta solo un’occasione celebrativa per Caritas Internationalis, visto che ricorre un momento importante per la sua organizzazione interna. Di comune accordo con la Santa Sede, infatti, si sta procedendo al rinnovo sia dello Statuto sia del regolamento interno. I delegati convenuti a Roma, inoltre, sono chiamati a condividere le indicazioni strategiche per i prossimi quattro anni e oltre ad eleggere il presidente (poi confermato, come si è rilevato precedentemente, nella persona del cardinale, Maradiaga) dovranno pure individuare il nuovo Tesoriere, il Segretario Generale, così come i rappresentanti dell’Organo direttivo e del Comitato Esecutivo.

Dopo lo statuto approvato “ad experimentum” alla fine del 1951, Caritas Internationalis ha ricevuto un nuovo status giuridico nel 2004 attraverso un chirografo del Beato Giovanni Paolo II, dal titolo “L’ultima cena”. Con tale documento Caritas Internationalis si è trasformata in “persona giuridica pubblica” nell’ambito della Chiesa universale. Come confederazione sui generis, ha precisato il cardinale Maradiaga, “riuniamo le organizzazioni Caritas del mondo, secondo il piano dei Vescovi locali o delle rispettive Conferenze Episcopali. Come “persona giuridica pubblica”, Caritas Internationalis è uno strumento del Santo Padre che è rappresentato dalla Segreteria di Stato, Cor Unum e dagli altri dicasteri incaricati della carità e della giustizia”.

Sono trascorsi 60 anni e molte cose sono cambiate: è mutata la società ed è cambiata la stessa Chiesa, ma la missione della Caritas è rimasta sempre la stessa. Come ha ricordato il ri-eletto presidente di Caritas Internationalis, “la nostra missione è servire i poveri […]. Questa è la nostra ragion d’essere e per ciò è nel cuore della missione della diaconia della Chiesa. Per molti bisognosi, Caritas è l’amato volto di Cristo che porta aiuto e conforto, rispetto e riconoscimento. Come Caritas, siamo chiamati ad essere testimoni del Suo amore e lo facciamo con entusiasmo”.

 

È possibile consultare il materiale relativo alla XIX Assemblea Generale di Caritas Internationalis direttamente in una sezione apposita creata nel sito di Caritas Internationalis:

 XIX AG di CI

Share