“Nessuno escluso”: l’iniziativa della Caritas diocesana di Ales- Terralba per gli alunni con disturbi di apprendimento

La Caritas diocesana di Ales-Terralba, vicina alle famiglie e alle piccole attività in crisi per la pandemia, non dimentica la scuola e il suo ruolo fondamentale nella comunità educante. In piena pandemia si è cercato di intervenire in vari modi per offrire sostegno alle famiglie di fronte a tante emergenze, ma nel contempo si è sempre tenuta alta l’attenzione sui bisogni della scuola.


Per dare seguito al Convegno diocesano dello scorso anno, dal titolo “Carità è cultura” incentrato sulla lotta alla dispersione scolastica e sull’avvio di nuovi progetti, è stata ideata un’iniziativa rivolta ai bambini con diagnosi di Disturbi specifici dell’apprendimento (DSA) grave provenienti da famiglie in difficoltà. In un anno così difficile, infatti, il rischio è che si accentui il divario tra alunni supportati nello studio e alunni che presentano problemi oggettivi e soggettivi nell’apprendimento. Per questo motivo la Caritas nell’ambito del progetto educativo Fortza Paris -Abbi Cura di Lui 2021 (Progetto supportato da Caritas Italiana attraverso l’8×1000) sta promuovendo in queste settimane l’intervento “Nessuno escluso”: si tratta di un trattamento specialistico gratuito con psicologi o pedagogisti specializzati e logopedisti messo a disposizione per bambini e ragazzi con diagnosi di DSA, ed eventualmente anche per alunni Bes (Bisogni educativi speciali) che frequentano la scuola primaria e la scuola media inferiore e provengono da famiglie che non possono permettersi di sostenere i costi di tale trattamento.
Gli incontri con gli specialisti si svolgeranno all’esterno dell’istituto scolastico, nel paese di residenza dei bambini o in un paese limitrofo (a pochi chilometri di distanza), presso locali delle parrocchie o nello studio dei professionisti. Il calendario degli incontri, con giorni e orari prestabiliti, sarà concordato con le famiglie, nel pieno rispetto delle normative anti-covid in vigore.
Sono cominciati i primi incontri grazie al supporto delle scuole che hanno informato le famiglie ma ci sono ancora posti disponibili: le famiglie interessate possono contattare direttamente la Caritas diocesana al tel. 070/9339029 (il martedì e giovedì dalle 10 alle 12), al cell. 3701539922 (lun-sab, 10 -12, 16-17; negli altri orari si può lasciare un messaggio), oppure all’indirizzo mail: caritasalesterralbaprogetti@gmail.com.
«Bisogna ridare priorità alla formazione e all’educazione. A partire dal 2019 la Caritas diocesana di Ales Terralba- precisa il direttore don Marco Statzu- cerca di lavorare sul fronte della dispersione scolastica e di tutte le problematiche relative all’abbandono scolastico, alle disabilità, ai bisogni educativi speciali, di soggetti appartenenti a famiglie con disagi economici importanti». Un lavoro importante che diventa più efficace se si uniscono le forze: «Raccordandoci con le scuole che sono il primo presidio della cultura e della formazione nel territorio vogliamo proseguire in questo lavoro offrendo alcune competenze specialistiche. Cerchiamo di essere attenti alla formazione dei giovani finalizzata al perfezionamento di percorsi universitari o al conseguimento di titoli abilitanti a una professione»

Stefania Pusceddu

 

 

 

Share