“Instancabili nella carità, riconciliati con Dio e con i fratelli”: online il quarto numero della newsletter

“Instancabili nella carità, riconciliati con Dio e con i fratelli”: online il quarto numero della newsletter delle Caritas diocesane della Sardegna, realizzato in occasione della Quaresima/Pasqua 2022

Il persistere nel fare il bene e la riconciliazione come strada per costruire la pace con noi stessi e con gli altri al centro del quarto numero della newsletter delle Caritas diocesane della Sardegna Impegno Caritas realizzato in occasione della Quaresima/Pasqua 2022. Ad essere “Instancabili nella carità, riconciliati con Dio e con i fratelli” – questo il titolo della pubblicazione – sono i tanti volontari e le molte persone aiutate nell’ambito delle dieci Caritas dell’Isola, di cui vengono raccontate le storie. Al centro della pubblicazione le esperienze che le Caritas diocesane quotidianamente fanno di testimonianza autentica dell’Amore di Dio, senza mai desistere nella carità operosa verso il prossimo, continuando a seminare nonostante le difficoltà, impegnandosi ogni giorno a lenire il dolore delle persone e a offrire percorsi di riconciliazione.

«Accogliendo quotidianamente l’invito quaresimale alla conversione – scrive nella sua introduzione mons. Giovanni Paolo Zedda, vescovo delegato della Conferenza episcopale sarda per il servizio della carità – ognuno di noi può sperimentare quanto sia necessario l’impegno di perseveranza nel bene […]». Purtroppo «a causa della nostra debolezza, ci capita anche di fare esperienza di un’altra tentazione, quella della stanchezza»: ecco allora che «la testimonianza di Gesù nella sua Pasqua ci aiuta a capire quanto sia importante reagire a questa tentazione e impegnarci con perseveranza a vivere nella carità concreta, operando il bene verso tutti, sempre.

“Solo l’impegno a seminare il bene per gli altri ci libera dalle anguste logiche del tornaconto personale e conferisce al nostro agire il respiro ampio della gratuità, inserendoci nel meraviglioso orizzonte dei benevoli disegni di Dio”». Il vescovo invita a pregare «il Signore ogni giorno di questa Quaresima perché ci aiuti a vincere ogni stanchezza e a superare la tentazione di rinchiuderci nel nostro egoismo. Non stanchiamoci di chiedere sinceramente perdono ogni giorno per la nostra grettezza. Sperimenteremo ogni giorno la grazia della pace che tanto desideriamo quando guardiamo ai problemi del nostro mondo. Non stanchiamoci di fare il bene nella carità operosa verso il prossimo, per prenderci cura di chi ci è vicino, per farci prossimi a quei fratelli e sorelle che sono feriti sulla strada della vita. Potremo sperimentare la gioia della Pasqua, giorno dopo giorno […]».

 

La pubblicazione è disponibile cliccando qui, dove potrà essere anche “scaricata” in versione pdf.

Share