IMPEGNO CARITAS: la nuova newsletter delle Caritas diocesane della Sardegna. Il primo numero “La famiglia luce di speranza” dedicato all’Avvento/Natale 2020

“La famiglia luce di speranza” al centro del primo numero della newsletter delle Caritas diocesane della Sardegna intitolata IMPEGNO CARITAS, dedicata all’Avvento/Natale 2020 e realizzata dalle Caritas diocesane sarde.

Questo nuovo strumento, realizzato attraverso il coordinamento regionale comunicazione – in continuità con il foglio informativo web per le Caritas parrocchiali pubblicato dalla stessa Caritas regionale lo scorso maggio e incentrato sull’impegno delle Caritas durante la pandemia  – ha l’obiettivo non solo di rafforzare l’informazione sulle attività delle Caritas diocesane sarde, ma anche quello di offrire una riflessione pastorale, nell’ottica dell’animazione alla testimonianza della carità: destinatarie privilegiate le Caritas parrocchiali, ma anche tutte quelle altre realtà impegnate sui temi della solidarietà e del volontariato nei territori diocesani. Uno strumento che la stessa Caritas regionale ha voluto lanciare proprio in occasione di uno dei momenti più significativi dell’anno liturgico, quello dell’Avvento/Natale, partendo proprio dall’immagine della Sacra famiglia che richiama i temi dell’accoglienza, del servizio e della promozione umana, in modo ancora più significativo nell’attuale contesto di pandemia.

«Siamo ancora immersi nella prova di un’emergenza che non sta risparmiando nessuno – scrive il Vescovo delegato della Conferenza episcopale sarda per il servizio della carità mons. Giovanni Paolo Zedda nella sua introduzione-.  In tanti di noi e dei nostri fratelli il cuore è stretto dalla paura, le relazioni sembrano sospese, così come molte attività. È una situazione inedita, ma non dobbiamo chiuderci alle sorprese di Dio: noi crediamo che Lui continua a guidare la storia, in modo misterioso ma provvidenziale, come sempre. (…)». L’immagine richiamata dal vescovo è quella della Famiglia di Nazaret, sulle orme della quale «anche noi siamo chiamati ad aprirci a Dio e ad ogni uomo e donna, ad ogni famiglia e comunità. Possiamo farlo, personalmente e come Caritas parrocchiale, nella sua missione di animare con l’amore di Dio tutta la comunità cristiana».  La celebrazione dell’Avvento, come conclude il vescovo,  «ci spinge a pregare affermando che il nostro tempo è quello nel quale “osiamo sperare vigilanti nell’attesa”, come si esprime un Prefazio nella celebrazione eucaristica. Vogliamo davvero “osare sperare” e guardare al futuro con fiducia, nella consapevolezza che la nostra vita già appartiene a Dio. Anche nella situazione di desolazione e sconforto che oggi coglie tanta parte della nostra società, il Natale di Cristo ci apre alla speranza non solo di poter ricevere un supplemento di vita ma una nuova Vita. (…)».

La pubblicazione è disponibile cliccando qui, dove potrà essere anche “scaricata” in versione pdf.

(A cura di Maria Chiara Cugusi, servizio comunicazione Caritas Sardegna)

Share