A due anni e mezzo dal terremoto, prosegue l’impegno della rete Caritas ad Haiti

Bambini ad Haiti

Era il 12 gennaio 2010 quando un terribile terremoto ha colpito duramente Haiti (in particolare la capitale Port-au-Prince), causando la morte a più di 220.000 persone e ferendone oltre 300.000.

La Caritas Italiana partecipò immediatamente alla rete di solidarietà internazionale, inviando appena possibile anche dei propri operatori in loco. Sono in particolare 119 i progetti sostenuti, per un valore pari a 15 milioni 724 mila euro.

Come si legge nel Rapporto pubblicato nel giugno scorso, l’ascolto «è il primo pilastro delle molte progettualità di Caritas Italiana ad Haiti, è condizione essenziale per apprendere, comprendere, entrare in relazione e creare basi di comunione con la popolazione locale, la Caritas di Haiti e la rete internazionale della Caritas […]. Con questa motivazione Caritas Italiana continuerà a lavorare al fianco della popolazione haitiana».

 

Clicca qui per consultare la pagina del sito della Caritas Italiana dedicata alla “Emergenza terremoto Haiti”.

Clicca qui per leggere l’articolo dal titolo “Haiti, l’impegno della Caritas Sardegna per costruire la speranza”.

 


Anche la Delegazione regionale Caritas Sardegna, oltre ad impegnarsi nella raccolta dei fondi conferiti dalla generosità delle parrocchie e di vari benefattori sardi, ha programmato un impegno progettuale a favore delle Suore Salesiane di don Bosco Filles de Marie-Auxiliatrice di Port-au-Prince, in particolare nella com-partecipazione al progetto di costruzione della “École fondamentale à la Croix des Bouquets”.

Per ulteriori informazioni
Don Marco Lai
Referente del Servizio Promozione Mondialità

Share