Carcere

 
Carcere
La comunità cristiana dev’essere attenta al complesso tema della detenzione, della pena, della riabilitazione personale e della riconciliazione sociale. In questa prospettiva le Caritas diocesane, mediante l’azione degli operatori volontari che prestano il proprio servizio in carcere e nelle comunità territoriali, si preoccupano dei processi che caratterizzano tale tema non solo all’interno delle mura carcerarie. La vera sfida, infatti, è quella di promuovere cammini di riabilitazione del detenuto, di pari passo con percorsi di riconciliazione rispettosi delle vittime del reato e attenti alle famiglie dei detenuti, in sintonia con le istituzioni preposte e con l’ordinamento normativo che disciplina tale materia.
 
In questo senso le Caritas diocesane pongono attenzione ai seguenti aspetti: 
 
  • Richieste quotidiane di ascolto e di beni primari. I detenuti sono spesso privi di tutto, in particolare gli stranieri senza alcun legame esterno. Con un’attenta azione di mediazione linguistica, psicologica e sociale, i volontari cercano di venire incontro alle varie esigenze dei detenuti;
  • Accoglienza e ospitalità. I provvedimenti intrapresi dai magistrati di sorveglianza, fra cui la possibilità di usufruire di qualche permesso o di beneficiare delle misure alternative alla detenzione, diventerebbero impossibili per molti detenuti se non ci fossero delle strutture di accoglienza e ospitalità promosse dalle comunità ecclesiali; 
  • Riabilitazione e reinserimento sociale. Chi ha fatto l’esperienza del carcere, sebbene abbia pagato il proprio debito con la giustizia, non trova facilmente occasione di inserirsi nuovamente nel tessuto sociale. L’impegno delle Caritas su questo versante, pertanto, è quello di favorire dei percorsi di riabilitazione sociale e di reinserimento sociale, ad esempio attraverso il lavoro, anche attraverso la collaborazione di cooperative sociali impegnate su tale versante; 
  • Animazione della comunità cristiana. Dovrebbe essere questo l’aspetto prevalente, anche rispetto al carcere, delle Caritas diocesane. La funzione pedagogica, infatti, deve diventare l’impegno principale delle Caritas nel territorio, nel favorire un cambiamento di cultura rispetto alle problematiche carcerarie; 
  • Mediazione penale e percorsi di riconciliazione. Un ambito assai delicato, ma di fondamentale importanza, è quello riguardante la ricerca di possibili percorsi di riconciliazione fra il carcerato e la vittima, nel pieno rispetto della legge.

La Delegazione regionale delle Caritas della Sardegna fa parte della Conferenza Regionale Volontariato Giustizia (così come, a livello nazionale, la Caritas Italiana è fra i promotori della Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia), quale strumento di coordinamento cui fanno parte le associazioni e gli organismi impegnati: nel settore dell’assistenza sociale e del sostegno morale nei confronti dei detenuti e delle loro famiglie; nella difesa dei diritti civili e di cittadinanza dei detenuti; nella facilitazione dell’esecuzione penale esterna; nella promozione di una cultura della legalità, della riabilitazione personale, della riconciliazione sociale e che tenga conto dei diritti  e delle tutele dovuti alle vittime dei reati e dei loro familiari. 


 
Per ulteriori informazioni
Signora Giovanna Lai
 
Share